La versione di Barney – Mordecai Richler

Nelle scorse settimane ho avuto moltissimo da fare e ho lasciato in sospeso il blog e le idee già iniziate – progetto segreto incluso. Ma l’altro ieri sono riuscita ad avere un momento di pace e ho cominciato a leggere La versione di Barney di Mordecai Richler. Ho solo due parole: lo adoro! 

voi che ne pensate? avete libri da consigliarmi? presto presto devo organizzare una spedizione da Feltrinellitutti che vanno pazzi per i saldi e io che compro libri ^.^

Annunci

Un giro da Feltrinelli – mi compro l’eReader?!

Ieri dopo l’ufficio sono andata da Feltrinelli, ogni volta che vado – massimo 1/2 al mese – entro con l’idea di comprare un libro, che magari mi hanno consigliato, e finisco per guardare sugli scaffali delle offerte dove trovo sempre qualcosa che mi piace e che fino a quel momento non avevo proprio considerato. Questa volta sono andata per comprare Il grande Gatsby, vista la prossima uscita del film non volevo perdermi l’emozione del libro, peròòòò non vedo l’ora di vedere Leonardo Di Caprio che per me è un attore formidabile! Comunque, mi sono portata a casa Il Grande Gatsby di Fitzgerald, Pastorale Americana di Roth e La versione di Barney di Richler. In questi giorni sto pensando di comprarmi un eReader qualcuno di voi lo usa? Io non so proprio su quale modello orientarmi.. 🙂

Easter Parade – R. Yates

La scorsa settimana ho divorato Easter Parade di Richard Yates. Era un bel po’ di tempo che non leggevo, l’ultimo libro risaliva a dicembre che per i miei standard è davvero un’eternità. Sembrerebbe che mi sia ripresa, anche perché appena finito mi sono buttata su Buk (Charles Bukowski) e pronto sul comodino c’è un autrice nuova Banana Yoshimoto.
Easter Parade mi è piaciuto tanto, sarà che quando trovo un autore che mi piace leggo tutto quello che riesco a trovare in libreria. La storia struggente di queste due sorelle che cercano di vivere sapendo che la felicità non è compresa nel prezzo della vita quotidiana. Lo consiglio, non per gli amanti del lieto fine.

Tropico del cancro – H. Miller

Tropico del cancro sta andando a rilento, mi sono impegnata in tantissime altre cose dai progetti di cucito a quelli ai ferri e a lui sto dedicando giusto una mezz’ora prima di addormentarmi – non tutti i giorni. Tuttavia mi piace molto, certo è che in alcuni punti l’ho trovato un po’ dispersivo, quei capitoli di flusso di coscienza dove salta di palo in frasca, affascinanti ma un po’ più lenti rispetto alla narrazione degli altri, che è vivace e piena di sfaccettature. Un altra cosa che mi aspettavo era trovarci più “Parigi” dentro, più la vita della città, come per Fiesta di Hemingway. Ma staremo a vedere che combina il protagonista con la “signora” ricca – che in effetti lui non chiama proprio così.

Revolutionary Road – R. Yates

Ho finito di leggere Revolutionary Road. L’ho trovato un libro bellissimo, pieno zeppo di emozioni. Yates descrive la famiglia con una forza narrativa disarmante, i personaggi sono descritti con semplicità e freschezza, così come i problemi che affrontano e il modo in cui cercano di sopravvivere. Il finale è uno schiaffo in pieno viso: quando tutto sembra volgere al meglio, cambia inesorabilmente. Non mi resta che vedere il film di Sam Mendes, con Leonardo DiCaprio e Kate Winslet.